Menu


ANED: cosa è
e il suo statuto

La storia della sezione ANED di Bologna

Sostieni l'ANED
con il tesseramento
e il volontariato

Vai a ANED nazionale:
ciportanovia.jpg
Per approfondire il tema della deportazione politica e della Shoah a Bologna, vai al sito
http://www.ciportanovia.it
a cura di ANED - Bologna, realizzato da ANED e Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna.

chips
Null

1945, la liberazione dei lager
Alcune foto di prigionieri ritratti nella gioia della liberazione. Gli stessi fotografi pochi metri dopo avrebbero dovuto documentare anche gli internati ridotti a scheletri ambulanti e le cataste di cadaveri che le SS non avevano fatto in tempo a inviare ai forni crematori.
Tra i sopravissuti anche quegli italiani, e bolognesi, che una volta tornati a casa, spesso vincendo diffidenza e incredulità, avrebbero assunto l'impegno di testimoniare quell'orrore, di trasmetterne la memoria, dando vita all'ANED.

Per saperne di più della storia che cominciò in quei giorni:
guarda il video La nostra storia della memoria

vai al video...
SENZA VERGOGNA !!!
Sabato 11 giugno il "Giornale" ha pensato bene di abbinare al quotidiano il "mein kampf" di Adolf Hitler. E non una edizione critica, come fatto recentemente in Germania, ma una vecchia traduzione.
Questo libro è stato e resta il caposaldo dell'odio e del razzismo e conteneva già il seme della "soluzione finale". E' davvero questo ciò di cui ha bisogno l'Europa in un momento di grave crisi? Se si perde la memoria di ciò che è stato, come diceva Primo Levi, il passato può ritornare. Non si tratta di censurare alcuno, ma di riflettere a fondo sulle basi di operazioni come questa.
Dopo secoli di guerre l'Europa ha trovato un equilibrio, anche se difficile e precario. Noi crediamo che bisogna rafforzare l'Europa come idea di pace, democrazia e collaborazione tra i popoli. Altri evidentemente pensano ad un ritorno alla divisione se non peggio. Ma così facendo l'Europa diventerà mariginale e l'Italia sarà sempre più fragile.
Questa vicenda di conferma sempre di più che è importante salvaguardare la memoria e cercare di trasmetterla nelle Scuole e in tutti i luoghi di socializzazione. Sosteniamo tutti insieme l'Aned e le altre associazioni della memoria.
Aned Bologna
IN PRIMO PIANO - Mauthausen 2016

260 bolognesi, hanno partecipato, domenica 15 maggio, alla cerimonia per il 71° anniversario della Liberazione dell'ultimo campo di concentramento.

Sono stati presenti 170 studenti delle scuole medie di 12 Comuni e di 8 Istituti superiori di Bologna e Provincia, l'ex deportato Armando Gasiani, l'ex internato Adelmo Franceschini, familiari di deportati, professori, amministratori e privati cittadini interessati, 5 laureandi e laureati dell'Università di Bologna che hanno svolto egregiamente le funzioni di guide e gli accompagnatori dell'Aned
.

Nonostante il cattivo tempo, siamo riusciti a far conoscere ai tanti ragazzi presenti una realtà che, ai loro occhi, come ci hanno testimoniato, è parsa incredibile. L'Aned di Bologna e nazionale hanno poi ribadito le loro perplessità sulle nuove modalità della cerimonia finale che è parsa fredda e troppo ufficiale, quindi poco coinvolgente per i ragazzi. Su questo occorrerà riflettere ampiamente in vista del congresso provinciale e nazionale di ottobre.

Ringraziamo infine i volontari, i Comuni e, soprattutto, l'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna che, con il loro contributo finanziario, hanno reso possibile questo viaggio.
Grazie a tutti i partecipanti!


ceromoniamauthausen2016.jpg
Un momento della cerimonia al Monumento italiano. Clicca sul'immagine per ingrandire








cerimonia2016.jpg

Cerimonia ufficiale 2016. Clicca sulla foto per ingrandire
Ci siamo trasferiti in via Sant'Isaia 90.
Al momento siamo reperibili solo al cell. 331 1097077 o via e-mail info@anedbo.it


TESSERAMENTO 2016

la quota rimane fissata a €. 10,00, con Triangolo rosso €. 25,00


News & Appuntamenti
Pubblicato nella Sezione Viaggi
i programmi per il viaggio a Berlino

dal 2 all'8 luglio 2016

L'Aned di Bologna si associa all'Aned nazionale nel chiedere norme più severe contro la vendita di oggetti e gadget di ispirazione fascista e nazista negli esercizi commerciali. Consulta il sito
www.deportati.it



Cerca nel sito:
Informativa sui Cookie | Cookie Policy